La coltivazione della vite, con il nostro metodo, prevede la sinergia della concimazione annuale, o al massimo biennale, con Tellus 4-5-8 5 q/ha con i trattamenti fogliari.
I quintali di concime diventano tre se si distribuiscono concimando un erbario da sovescio in presemina.

Per nuovi impianti si prevede la concimazione di fondo con 600 kg/ha da utilizzare per concimare un impianto di erbe da sovescio. La miscela di semi deve contenere leguminose e graminacee.
Alla messa a dimora si distribuiscono 100 g a vite di Oleabio 5-5-5.
Nei 2 anni successivi si distribuiscono 250 g di Oleabio 5-5-5 a fine febbraio primi di marzo.

I trattamenti fogliari si avvalgono dei seguenti prodotti:
Naturalmicro, Biomicocare, Ossido rameoso, FoliarbioK, Naturalcalcio, Zolfo colloidale, Zolfo ventilato.
Il metodo di coltivazione prevede la prevenzione dalle malattie fungine peronospora, oidio e botrite integrando la difesa con la nutrizione in modo da rendere le piante autoimmuni. La somministrazione di metaboliti secondari, contenuti in tutti i nostri prodotti, attiva le difese autogene della vite e migliora la capacità produttiva e la qualità dell’uva prodotta.

I trattamenti fogliari si iniziano allo stadio di terza foglia con il seguente protocollo riferito a kg/ha.
1) Naturalmicro 1 kg
Ossido rameoso ( % di rame metallico ) 0,1 kg

2) Naturalmicro 1,5 kg
Ossido rameoso 0,1 kg

3) Naturalmicro 2 kg
Zolfo colloidale 2 kg
Ossido rameoso 0,15 kg

4) Naturalmicro 2 kg
Zolfo colloidale 2 kg
Ossido rameoso 0,2 kg

5) Biomicocare 3 kg
Naturalmicro 2 kg
Zolfo colloidale 2 kg
Ossido rameoso 0,2 kg

In corrispondenza della prechiusura grappolo è opportuno distribuire 25 kg di zolfo ventilato.

6) Biomicocare 3kg
Naturalmicro 2 kg
Zolfo colloidale 4 kg
Ossido rameoso 0,20 kg

7) Naturalmicro 3 kg
FoliarbioK 1 kg
Zolfo colloidale 3 kg
Ossido rameoso 0,2 kg
Naturalcalcio 1 kg

8) Naturalmicro 3 kg
FoliarbioK 1 kg
Naturalcalcio 1 kg
Zolfo colloidale 4 kg

Si aggiungono 200 g di ossido rameoso solo in condizioni climatiche avverse che favoriscono la peronospora.

I successivi trattamenti si effettueranno con la soluzione precedente sino a metà agosto.

I trattamenti devono essere effettuati a cadenza settimanale o al massimo entro i 10 giorni.
Con condizioni molto piovose è necessario trattare con una dose di 4 kg/ha di Naturalmicro con l’aggiunta di 400 g di ossido rameoso, da ripetere dopo 4-5 giorni per prevenire il rischio peronospora.
E’ molto importante poter effettuare i trattamenti 1-2 giorni prima delle piogge.
Ove non sia possibile, per evitare la peronospora larvata, si deve intervenire con:
Naturalmicro 5 kg
• Ossido rameoso 400 g

Ove esiste il rischio di tignola della vite si interviene con Bacillus turingiensis eventualmente integrato con Sinapis alla dose di 6 kg/ha qualora il bacillus si rivelasse poco efficace.

Attacchi di Botritys cinerea si possono controllare con:
Naturalmicro 3 kg
Biomicocare 3 kg
con 1-2 trattamenti alla comparsa della malattia in cadenzati in 5-7 giorni.

Per prevenire la 2a generazione di tignola si interviene, alla comparsa dei voli, con:
Tannino 20 10 kg
• Zolfo ventilato 10 kg
Solo se si ha deposizione si deve intervenire con il Bacillus turingiensis.